Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti una miglior navigazione.
Continuando a navigare sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più clicca qui

Weber - Saint-Gobain

L'umidità nelle murature

Umidità nelle murature: un problema che "torna in superficie"

Le manifastazioni dell'umidità

L'umidità e quindi la presenza di acqua nelle murature, sotto varie forme, è la principale responsabile del degrado.
Esso avviene sia per effetto del gelo e disgelo, sia per la solubilizzazione di sostanze, con impoverimento dei materiali costruttivi.
E' interessante notare come l'azione dell'acqua avvenga sotto due forme: allo stato liquido e allo stato gassoso (vapor d'acqua).
E' perciò necessario, a seconda delle varie manifestazioni, impedire all'acqua di penetrare nelle strutture, oppure favorire la fuoriuscita del vapore presente.

Sono qui descritte le quattro manifestazioni dell'umidità nei fabbricati.

1. L'umidità meteorica
L'acqua piovana bagna la superficie, che poi si asciuga per evaporazione; occorrono perciò prodotti idrorepellenti e traspiranti per non far entrare l'acqua e far uscire il vapore.

2. L'umidità da condensa
Sulla parete fredda il vapore d'acqua in eccesso condensa, ossia si trasforma in acqua sotto forma di minuscole goccioline. Occorre un isolamento termico in modo tale che la parete non sia più fredda.

3. L'umidità ascendente
L'acqua presente nel terreno risale per capillarità nella muratura, che perciò appare umida, ed evapora attraverso la superficie. Occorre risanare con intonaci altamente traspiranti, cioè dotati di elevata permeabilità al vapore µ, che, oltre a proteggere il muro, facciano fuoriuscire velocemente l'umidità in eccesso presente.

4. L'umidità da infiltrazione
L'acqua attraversa tutto lo spessore della muratura e penetra all'interno del fabbricato. Occorre impermeabilizzare, impedendo così il passaggio dell'acqua.