Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti una miglior navigazione.
Continuando a navigare sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più clicca qui

Weber - Saint-Gobain

Diagnosi corretta del sottofondo

 

 

Planarità

Il supporto deve essere piano per garantire un buon risultato tecnico ed estetico (non confondere planarità ed orizzontalità)

La planarità del supporto viene verificata con una staggia di 2m. Per procedere alla posa di ceramica, i difetti non devono superare i 7 mm sotto la staggia (5 mm quando si tratta di pavimenti a traffico pesante).

Se i difetti non superano il 20% della superficie totale, su una superficie continua massima di 1mq, si dice che i difetti sono localizzati.

Se i difetti superano queste superfici, allora si dice che sono generalizzati.

Stabilità

Il supporto deve essere stabile per evitare problemi successivi alla pavimentazione

Questa verifica interessa soprattutto i parquet in legno inchiodati su magatelli o i pannelli in legno e anche più raramente, le pareti divisorie.

I listelli del parquet o i pannelli non devono muoversi camminandoci sopra. Le pareti divisorie non devono vibrare nè tantomeno deformarsi con la pressione della mano.

In caso di instabilità, fissare meccanicamente le assi e, se necessario, posare dei pannelli di legno.

Adesione

Il vecchio rivestimento deve essere aderente in modo da evitare qualsiasi distacco

Verificare l'adesione delle vecchie piastrelle o dei pannelli rigidi sondando con un martello o una spatola.

Bisogna eliminare qualsiasi parte che suoni a vuoto…

…e sostituirla con degli elementi della stessa natura, o ricostruire il supporto con un prodotto idoneo.
Le soluzioni per procedere ad un livellamento del sottofondo sono indicate nella guida di scelta per la preparazione dei sottofondi.

Adesione

La vecchia pittura deve essere ben ancorata per sopportare il peso collante/piastrella

Per verificare l'adesione di una pittura effettuare un test di quadrettatura utilizzando un coltello o un cutter.

Formare una quadrettatura con il lato di circa 2 mm su di una superficie di 10x10 cm.

La pittura è da considerarsi aderente se l'80% dei piccoli riquadri realizzati è aderente. In caso contrario eliminare totalmente la pittura.

Pulizia

Il supporto deve essere pulito per permettere l'adesione del collante.

Nel caso di sovrapposizioni su vecchi pavimenti in ceramica o pietre naturali: eliminare meccanicamente tutte le tracce di sporcizia.

Per la pulizia utilizzare un detergente basico nel caso di cere, grassi e oli; utilizzare weber.klin A nel caso di cemento, calce o gesso.

Nel caso di vecchi pavimenti in vinilico, moquette, gomma, ecc: rimuovere il vecchio rivestimento ed eliminare meccanicamente tutto il collante in via di distacco o non perfettamente ancorato. Spolverare accuratamente, quindi applicare weber.floor 4716 Primer.

Su calcestruzzo eliminare lavando ad alta pressione tutto ciò che può nuocere all'adesione: latte di cemento, depositi di oli, impregnazioni idrofughe.

Umidità

Il supporto deve essere normalmente secco.

Verificare che il supporto non trasudi umidità.
Nel caso eliminare le cause prima di effettuare la posa.

Nel caso di allagamenti accidentali prima della posa asportare l'acqua tamponando con stracci o spugna e attendere l'asciugamento del sottofondo in relazione al materiale da posare.

I supporti in gesso e anidrite non devono avere un'umidità residua superiore a 1% al momento della posa. Questa verifica deve essere effettuata con apposito strumento valutando l'umidità residua in relazione al materiale da posare.

Porosità

I supporti in cemento devono essere normalmente assorbenti onde evitare l'asciugamento prematuro delle colle limitandone così il tempo aperto.

Bagnare leggermente il supporto con acqua.

Se l'acqua viene assorbita in meno di 1 minuto, il supporto viene considerato eccessivamente poroso quindi bagnarlo il giorno precedente alla posa o trattarlo con weber.prim PF15 almeno 6 ore prima.

Durezza

Il supporto deve essere resistente per evitare fessurazioni e qualunque distacco successivo.

Verificare la durezza della superficie incidendola in più punti con un chiodo.
L'incisione deve essere superficiale.

Verificare ugualmente la durezza in tutto lo spessore nel caso si tratti di vecchi massetti industriali con spolveri metallici, massetti sottodosati o supporti in anidrite.

Se il supporto non è sufficientemente duro, bisogna eliminarlo fino a ritrovare il supporto sano.