Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti una miglior navigazione.
Continuando a navigare sul nostro sito accetti l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più clicca qui

Weber - Saint-Gobain

Come realizzare una pavimentazione su un impianto di riscaldamento a pavimento a basso spessore

Problemi

Durante la ristrutturazione di un ambiente, la posa di un impianto di riscaldamento a pavimento può comportare difficoltà dovute a:

Eventuale rimozione del vecchio pavimento.

Mancanza delle quote per realizzare il nuovo pavimento.

Elevati costi di smaltimento dei materiali di risulta.

La scelta del sistema più efficace ha molta importanza.

Esistono alcune moderne tecnologie per realizzare pavimenti radianti.

Esistono sistemi radianti autoadesivi che consentono di realizzare pavimenti riscaldanti anche quando lo spessore disponibile è circa 2 cm.

É necessario utilizzare prodotti autolivellanti molto performanti che permettano di ottenere superfici planari a basso spessore, evitando la demolizione del pavimento.

Soluzioni

Soluzione:

weber.floor 4150
weber.floor 4320
weber.floor 4716 Primer
weber.col ProGres Evo
weber.col 
ProGres Top
weber.color basic
weber.color style

Preparazione

Stendere i pannelli radianti autoadesivi sul supporto, che deve essere asciutto, pulito e precedentemente trattato con weber.floor 4716 Primer.

Introdurre i tubi secondo le istruzioni del produttore.

Riempire le cavità dei pannelli con weber.floor 4150 mantenendo uno spessore minimo di 5 mm dalla quota più alta dell’impianto. Dopo 48-72 ore, a seconda dello spessore, è possibile eseguire il ciclo di accensione dell’impianto.

Applicazione

Per la posa di ceramica o pietre naturali non sensibili all’umidità si consigliano i collanti cementizi weber.col ProGres Evo, weber.col ProGres Top, o i collanti della gamma weber.col UltraGres, weber.col UltraGres Fast.

Nel caso di marmi o pietre naturali sensibili all’acqua, utilizzare gli autoadesivi cementizi a presa rapida weber.col ProGres Fast o weber.col UltraMarmo o la colla ad alta deformabilità weber.col UltraGres Fast.

Per la stuccatura finale del pavimento si consigliano i riempitivi per fughe weber.color basic o weber.color style; per conferire maggior flessibilità alla fuga, è preferibile miscelare i weber.color con lattice weber L50 in totale sostituzione all’acqua di impasto.

Raccomandazioni

ATTENZIONE: weber.floor 4150 deve essere applicato in adesione al supporto; verificare pertanto che i pannelli radianti siano forati per permettere l’ancoraggio del prodotto.

Soluzione con i seguenti prodotti weber

weber.floor 4150

Rivestimento cementizio autolivellante. Autolivellante cementizio, modificato con polimeri per spessori tra 1 - 30 mm. CT-C25-F5 secondo la normativa EN 13813.

weber.floor 4320

Autolivellante Fibrorinforzato Rapido. Autolivellante cementizio rapido, fibrorinforzato, modificato con polimeri per spessori tra 2 - 50 mm. CT-C30-F7 secondo la normativa EN 13813.

weber.floor 4716 Primer

Impregnante in dispersione. Primer in dispersione a base di stirene acrilico. Il prodotto non contiene ammoniaca e ha una buona resistenza agli alcali. Può essere utilizzato in ambienti asciutti o umidi. EMICODE EC1.

weber.col ProGres Evo

Adesivo cementizio ad alte prestazioni a scivolamento verticale nullo

weber.col ProGres Top

Adesivo cementizio flessibile ad elevata resistenza e scivolamento verticale nullo

weber.color basic

Riempitivo a base cementizia per fughe fino a 4 mm

weber.color style

Riempitivo a base cementizia per fughe da 3 a 20 mm.

weber L50

Lattice di uso generale in edilizia

weber.col ProGres Fast

Adesivo cementizio rapido ad elevata adesione per materiali greificati e sovrapposizione

weber.col UltraMarmo

Adesivo cementizio rapido per marmi e pietre naturali sensibili alla macchiatura

weber.col UltraGres Fast

Adesivo cementizio a presa rapida, a lunga lavorabilità e deformabilità migliorata classificato C2FTE S1