Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarle una miglior navigazione.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarle pubblicità e servizi in linea con le sue preferenze. Per saperne di più clicchi qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, lei acconsente all’uso dei cookie.

Weber Saint-Gobain - Official website of the company

weberfloor Planitec

weberfloor Planitec
weberfloor Planitec

Nuovo

Plus prodotto

  • Elevate resistenze meccaniche
  • Elevate adesioni anche a bassissimi spessori
  • Tempi veloci di ricoprimento
  • Carrabile

Livellante cementizio a presa rapida per la rasatura ad altissima resistenza di pavimentazioni e pareti in interno ed esterno

Caratteristiche

Le informazioni contenute in questa scheda sono il risultato delle conoscenze disponibili alla data di pubblicazione. Saint-Gobain PPC Italia non si assume alcuna responsabilità per danni a persone o cose derivanti da un uso improprio di tali informazioni e si riserva il diritto di modificare i dati senza preavviso.

Campi d'impiego

Ideale per rendere il sottofondo planare prima della posa del gres a basso spessore, marmo o pietre naturali, legno e resilienti. Lisciatura a bassissimo spessore prima della posa di vernici epossidiche, rivestimenti in resina, microcemento. Per regolarizzare in tempi rapidi i sottofondi irregolari prima della posa di impermeabilizzanti cementizi e poliuretanici. Per realizzare pendenze su terrazze prima della posa dell'impermeabilizzazione e/o della pavimentazione. Per la rettifica di scale in cemento armato. Per la riparazione localizzata di pavimentazioni industriali. Per la rasatura di elementi verticali in cemento armato (pilastri e pareti). Per la regolarizzazione di piscine in cemento armato prima della posa di impermeabilizzanti o telo impermeabile. In interno il prodotto può essere lasciato a vista anche in caso di aree carrabili grazie alla elevata resistenza all'abrasione. In esterno può restare a vista in aree pedonali, mentre in caso di aree carrabili deve essere protetto con un rivestimento di finitura protettivo.

Supporti: 

  • Massetti cementizi
  • Massetti base anidrite
  • Intonaci cementizi
  • Calcestruzzo
  • Ceramica
  • Marmo, pietre naturali

Non applicare su:

  • Supporti deboli o sfarinanti (in tal caso dovranno preventivamente essere consolidati)
  • Supporti deformabili
  • Metallo, legno
  • Pavimentazioni in pvc, linoleum, gomma

Dati di confezione

Confezioni:
sacco da kg 25
Aspetto:
polvere grigia
Durata:
Efficacia caratteristiche prestazionali: 6 mesi nelle confezioni integre al riparo dall'umidità

Consumo

Prodotti Consumi
weberfloor Planitec ~1,6 kg/mq per mm di spessore

Documentazione

Scheda prodotto stampabile (PDF)

Scheda di sicurezza

Scheda DOP

Invia o scarica la documentazione

E' possibile inviare la documentazione ad un indirizzo di posta elettronica o scaricarla.

Applicazione

Caratteristiche di messa in opera

Acqua d'impasto: 22÷23% (5 - 5,50 litri)
Tempo di riposo dell'impasto: 1 min
Temperatura di applicazione: da +5°C a +35°C
Tempo di vita dell'impasto: a 23°C circa 25 min - a 35°C circa 15 min
Transitabilità: circa 2-3 ore
Spessore: fino a 20 mm (minimo 2 mm in caso di posa parquet)
Tempo di impasto: circa 2 minuti
Tempo di ricopertura:
• Ceramica, gres e mosaico, marmo: 2-3 ore
• Legno: 12-24 ore (in funzione degli spessori)
• Impermeabilizzanti weberdry elasto: 6-8 ore (in funzione degli spessori

Questi tempi calcolati a 23° e U.R 50% vengono allungati dalla bassa temperatura associata ad alti valori di U.R e ridotti dal calore.

Attrezzi

  • frusta elicoidale a basso numero di giri
  • spatola metallica liscia lunga

Preparazione dei supporti

Il sottofondo deve essere stagionato, compatto, esente da sfarinamento, distacchi e da risalita di umidità, pulito da oli, tracce di disarmante, grassi o residui di pitture. Nel caso in cui il sottofondo sia superficialmente debole valutare un'adeguata preparazione meccanica o dove possibile consolidare con il primer epossidico weberfloor 4712 e successivo spolvero a saturazione con weber quarzo. Nel caso di sottofondi particolarmente assorbenti (massetti, intonaci cementizi), per garantire un assorbimento uniforme evitando un'evaporazione troppo rapida dell'acqua di impasto e ridurre eventuali soffiature, applicare una mano di weberfloor 4716 Primer (1 kg di primer - 3 kg di acqua). Attendere che il primer sia asciutto (circa 2 ore e non oltre le 24 ore) prima di applicare weberfloor Planitec. Nel caso di superficie in calcestruzzo, verificare che sia stagionata e priva di parti in distacco, quindi trattarla con una mano o due, a seconda del grado di assorbimento, di weberfloor 4716 Primer (1 kg di primer - 3 kg di acqua). I sottofondi in gesso o anidrite devono essere perfettamente asciutti; stendere almeno 6 ore prima una mano di weberprim PF15 . Supporti compatti e poco assorbenti (calcestruzzo lisciato, ceramiche, marmo) devono essere preventivamente trattati con weberfloor 4716 Primer oppure se necessario con abrasione meccanica (da valutare a seconda della tipologia di superficie).

Applicazione

Preparazione impasto:

 

Versare un sacco di weberfloor Planitec in 5-5,5 litri di acqua pulita e miscelare con frusta elicoidale a basso numero di giri per circa 2 minuti fino ad ottenere un impasto omogeneo e privo di grumi.Con temperature alte si consiglia di miscelare solo una parte del sacco in modo da regolarsi sui tempi di lavorazione, considerando che la durata dell'impasto è di circa 15 minuti (a 35°C). Lasciare riposare l'impasto per circa un minuto, riagitare brevemente prima dell'utilizzo.

 

Operazioni di posa:

 

 

Una volta preparato il sottofondo, applicare una mano a zero di weberfloor Planitec schiacciando bene il prodotto al sottofondo per una perfetta bagnatura del supporto e poi, senza attendere, applicare lo strato necessario per livellare e regolarizzare fino ad uno spessore massimo di 2 cm in una o più mani. Spessori maggiori possono essere realizzati in mani successivi attendendo circa 20-30 minuti dall'applicazione della mano precedente.

 

 

Avvertenze e raccomandazioni

  • Non utilizzare su fondi soggetti a continua risalita di umidità
  • Proteggere da evaporazione troppo rapida nelle giornate calde o ventose
  • Dopo l'applicazione proteggere weberfloor Planitec dall'acqua per almeno 3 ore
  • Non lasciare i sacchi di weberfloor Planitec esposti al sole per lungo tempo
  • Non impastare con un quantitativo di acqua superiore a quello previsto
  • Non aggiungere acqua all'impasto una volta iniziata la presa

Dati tecnici

Dati tecnici

Granulometria: < 0,5 mm
Resistenza a compressione: (rif. EN 13892-2)
• 3 ore: 15 N/mm2
• 24 ore: 25 N/mm2
• 7 gg: 30 N/mm2 
• 28 gg: 35 N/mm2
Resistenza a flessione: (rif. EN 13892-2)
• 3 ore: 3,5 N/mm2
• 24 ore: 4,5 N/mm2
• 7 gg: 6 N/mm2 
• 28 gg: 7 N/mm2
Reazione al fuoco: classe A1 / A1fl
Ritiro: < 0,3 mm/m
Adesione:
• Su calcestruzzo (rif. EN 1542): > 3,50 N/mm2
• Resistenza meccanica alle sollecitazioni parallele al piano di posa (UNI 10827): > 3,50 N/mm2 
• Compatibilità termica dopo ciclo di gelo/disgelo in sali disgelanti (UNI EN 13687-1): > 3,50 N/mm2

*Questi valori derivano da prove di laboratorio in ambiente condizionato e potrebbero risultare sensibilmente modificati dalle condizioni di messa in opera.

Conformità

Voce di Capitolato

Regolarizzazione di supporti non planari, all'interno ed all'esterno, sia in verticale sia in orizzontale, mediante applicazione di livellante rasante ad asciugamento rapido, costituito da speciali leganti cementizi, resine e additivi, tipo weberfloor Planitec di Saint-Gobain PPC Italia Spa. Il prodotto dovrà garantire una superficie con elevate resistenze meccaniche ed essere idonea a ricevere in breve tempo, la posa di ceramica, materiale lapideo, legno, resilienti e resine o l'impermeabilizzazione poliuretanica o con sistemi cementizi elastici. Tale rasatura dovrà essere classificata CT C35 F7 AR 0,5 secondo la normativa EN 13892, dovrà essere resistente all'usura ed avere una forza di adesione al calcestruzzo maggiore di 3 N/mm2 , una resistenza meccanica alle sollecitazioni parallele al piano di posa maggiore di 3,5 N/mm2 , una compatibilità termica dopo ciclo di gelo/disgelo (UNI EN 13687) maggiore di 3,5 N/mm2 .

Video